Privacy Policy Pokémon Go annuncia una collaborazione con UNIQLO UT - Pokémookie

Pokémon Go annuncia una collaborazione con UNIQLO UT


Buongiorno AllenaPokémon e ben tornati in un nuovo articolo qui su Pokemookie! Le collaborazioni del brand Pokémon negli anni sono state davvero tante e certamente non è la prima volta che questa compagnia collabora con un brand di vestiario. Quindi la collaborazione di questa volta tra Pokémon Go e UNIQLO UT non è solo questo, ma un annuncio di lancio di una nuova linea di magliette a tema mostriciattoli!

Il famoso brand di vestiario ha chiesto all’artista Daniel Arsham di disegnare delle nuove magliette a tema Pokémon che sono ora disponibili sul loro sito ufficiale.

Ma in tutto questo cosa c’entra l’app di Pokémon Go? Presto detto. Tre delle magliette di questa collezione sono disponibili gratuitamente in Pokémon Go per il vostro avatar! Potrete quindi ordinare una maglietta da UNIQLO UT e avere lo stesso look del vostro personaggio!

Questa collezione è molto particolare per via dello stile davvero particolare di Daniel Arsham che predilige uno stile in bianco e nero e dai tratti davvero unici. Sono quindi magliette leggermente diverse rispetto a quelle a cui siamo abituati, ma davvero uniche.

Cosa ne pensate di questa collaborazione tra Pokémon Go e UNIQLO UT? Vi piacciono queste magliette? Ditecelo con un commento! Inoltre Pokémookie non vi lascia soli e potete trovarci anche su FacebookInstagramTwitter sul canale Telegram per ricevere aggiornamenti e su un secondo gruppo Telegram per parlare in amicizia, da poco tempo siamo sbarcati anche su You Tube. Vi aspettiamo con la nostra serie su Pokémon Rosso Fuoco! Ricordate che #iorestoacasa

MadHatter

Ho conosciuto i Pokemon quando la mia sorellastra minore iniziò a giocare a Pokemon rosso durante un viaggio in auto, così iniziai a seguire il gioco presa dalla noia. La noia diventò un forte interesse e ricevetti così il mio imprinting. Ricordo che mi arrabbiai perecchio con mia sorella che, non sapendo ancora leggere, giocava premendo i tasti senza nessuna logica e insegnando al suo Clefable mosse a caso. Capendo l'interesse per il gioco la risposta arrivò poco dopo: il Game Boy e la prima cartuccia.. ma questo fu solo l'inizio.