Privacy Policy Demo Spada e Scudo: la Palestra di Azzurra -

Demo Spada e Scudo: la Palestra di Azzurra

Durante la scorsa settimana abbiamo dedicato molti articoli all’E3 (potete trovarli qui). Ci siamo concentrati su una particolare intervista con gameplay, ma a questa convention c’è stata anche una grande novità. Per la prima volta è stato possibile giocare una breve demo di Pokémon Spada e Scudo. Purtroppo, a noi semplici umani che non abbiamo potuto prendere parte all’evento, le immagini arrivano tramite le telecamere di coloro che hanno potuto assistere o vivere l’esperienza. Tuttavia pensiamo sia importante parlare di questa demo.

Se siete curiosi di vedere questa demo vi lascio il video qui

“Ti ha sfidato!”

Al direct del 5 Giugno ci è stata presentata Azzurra, Capopalestra di tipo Acqua, e ci è stato detto che all’E3 sarebbe stato possibile affrontare la sua palestra. Tuttavia l’interno della palestra (che abbiamo sempre concettualizzato come uno stadio) non è come la pensavamo. Ad inizio demo vediamo il nostro avatar entrare in una stanza piena di tubi dai bocchettoni gialli e rossi. Da alcuni di essi esce una cascata di acqua che ci blocca la via. Veniamo accolti da quello che dovrebbe essere un “aiutante” della palestra, quella figura che vediamo sempre all’ingresso. Esso ci dice una cosa interessante: “La Capopalestra ti ha sfidato!”

Questa frase potrebbe significare una cosa interessante: prima di entrare in una palestra Pokémon, devi fare qualcosa per “esserne degno” e ottenere così una sfida dal Capopalestra. Effettivamente ci sono stati leaker che hanno ipotizzato questa cosa e spiegherebbe anche il livello piuttosto alto dell’Eldegoss di Yarrow.

Altra funzione di questo personaggio è quella di curare la tua squadra, cosa molto interessante e utile poiché ti permette di non abbandonare la risoluzione del tuo puzzle o di andare al centro Pokémon perdendo tempo.

I rompicapo

Come succedeva nei vecchi giochi Pokémon (pensiamo per esempio alla palestra di Alfredo, Capopalestra della città di Mogania in Oro, Argento e Cristallo) sono state reintrodotti i rompicapo. Per arrivare da Azzurra, infatti, dovremo risolvere questo indovinello premendo dei bottoni sparsi per la palestra per modificare i getti d’acqua e liberare la via.

Una volta completato appare la scritta “Gym Mission cleared!“, ossia “Missione della Palestra completata!”. In questo momento avremo accesso ad una porta che ci conduce nello stadio dove affronteremo il Capopalestra. Ovviamente, è presumibile che ci sarà una diversa “Missione” o rompicapo basato sul Tipo di Pokémon di quella Palestra. Personalmente adoro questi mini-giochi basati sulla logica, quindi sono davvero felice che siano stati reintrodotti in questa generazione.

La medaglia

Altra cosa interessante che possiamo vedere da questa demo è la medaglia. In questa generazione è dorata con sopra un simbolo azzurro rappresentante l’acqua, ma la particolarità di questa medaglia è nella forma. Si tratta, infatti, di un pentagono con un lato tondeggiante. La spiegazione a questo lato è presto detto: vediamo che la medaglia viene subito inserita in un cerchio dorato. All’ottenimento di tutte le medaglie, il cerchio sarà completo.

I Fiocchi

Ultima chicca: possiamo vedere come tra le info dei Pokémon troviamo in ultima posizioni “Ribbon”, ossia fiocchi. Sappiamo bene come questa features cambi molto da generazione a generazione. Infatti, esistono oramai diversi fiocchi nel mondo Pokémon: per esempio quelli per aver vinto delle gare in terza generazione, quelli per aver vinto la lega, quelli vinti nelle Super Gare Pokémon in quarta generazione oppure quelli ottenibili da eventi. La domanda che ci poniamo ora è: si inventeranno un nuovo tipo di fiocco o metodo per ottenerne anche in questa generazione?

Con questo quesito vi lasciamo, ma siamo curiosi di sapere anche le vostre opinioni. Lasciateci un commento, oppure ricordatevi di seguirci su FacebookInstagramTwitter e su Telegram. Vi aspettiamo!

MadHatter

Ho conosciuto i Pokemon quando la mia sorellastra minore iniziò a giocare a Pokemon rosso durante un viaggio in auto, così iniziai a seguire il gioco presa dalla noia. La noia diventò un forte interesse e ricevetti così il mio imprinting. Ricordo che mi arrabbiai perecchio con mia sorella che, non sapendo ancora leggere, giocava premendo i tasti senza nessuna logica e insegnando al suo Clefable mosse a caso. Capendo l'interesse per il gioco la risposta arrivò poco dopo: il Game Boy e la prima cartuccia.. ma questo fu solo l'inizio.