Privacy Policy

Analizziamo Galar pt. 2

Continuiamo, dopo il nostri primi due articoli (che potete trovare qui e qui), la nostra analisi della mappa di Galar.

La struttura centrale

La struttura centrale

Sotto la montagna innevata, praticamente al centro della mappa, troviamo una particolare struttura costruita su quello che pare essere un fiume, seguendo una logica di strutture rialzate sopra di esso collegata da ponti. La struttura è raggiungibile da diversi percorsi da ogni punto cardinale, ma pare essere circondata da mura. La costruzione architettonicamente parlando non sembra essere molto moderna o futuristica, anzi, direi abbastanza antica costellata da diverse torrette. All’interno delle mura troviamo almeno due strutture che risultano molto particolari e hanno attirato la nostra attenzione.

Iniziamo dalla parte sinistra della città dove ritroviamo un campo di gioco all’interno di un parco, sovrastato da una torre. Fin qui tutto normale, ma sopra di essa possiamo notare quella che sembra essere la testa di un drago d’oro con lunghi baffi e lunghe corna.

Dal centro di questa “città galleggiante” si erge una seconda torre, molto più alta di quella del drago. La torre si posa su un sorta di cupola dai cui lati si ergono 10 lunghi ponti (5 per lato) sospesi in aria che terminano con delle torrette. Non tutti questi ponti hanno retto allo scorrere del tempo, molti di essi sono crollati o non possiedono più le torrette laterali. Al centro di queste lunghe 10 braccia si erge la torre principale sovrastata da quella che pare essere una corona (ennesimo riferimento all’Inghilterra).

Ho servato per ultimo il dettaglio che più ha fatto discutere il team: all’ingresso sud delle mura vediamo una costruzione rappresentante un volto animalesco che abbiamo faticato a definire. Tra le ultime ipotesi rimaste abbiamo quella del lupo o quella di un qualche felino (questi elementi in questa descrizione verrano ripresi più avanti).

Possiamo anche notare che il percorso a nord di questa struttura si infossa nella montagna nell’ennesima galleria.

 Il porto

Il porto

Nella parte alta a destra della mappa possiamo notare quello che sembra essere un porto, ma guardando attentamente la zona possiamo vedere come esso sia più una struttura costruita dall’uomo che si estende nell’acqua legando un isolotto alla costa. In questa costruzione possiamo notare uno spiazzo che si allarga nell’acqua con uno degli stadi che abbiamo già associato alle palestre. A sud di questo possiamo vedere una vera e propria banchina portuale e una nave. A che punto della storia e se sarà possibile una traversata navale lo scopriremo in game o forse nei prossimi trailer. Sull’isolotto possiamo notare la presenza di un faro.

Sulla costa ,invece, troviamo quattro case e quelli che sembrano essere due stand di un mercato all’aperto. Una strada che parte dalle case e si dirige a sud-est di essa entra in una galleria (altra struttura che oltre i binari troviamo spesso in questa mappa).

La villa nel ghiaccio e gli scavi antichi

La villa nel ghiaccio e gli scavi antichi

Questa zona è collocata a livello geografico sopra la palestra vicino al faro ed è raggiungibile da un percorso proveniente da sinistra che attraversa un ponte e una galleria per sbucare al cospetto di un piccolo ammasso di case dal tetto viola. Da qui si nota un percorso che si dirige a Nord che porta ad una sorta di piccola laguna costellata di isolotti coperti di neve. Probabilmente usando surf o un pokèpassaggio (che spero abbiano mantenuto come dinamica di gioco) si potrà proseguire raggiungere il proseguimento del percorso che porta a questa villa sovrastata da una palestra pokemon.

Uscendo dalla parte sinistra della villa si potrà proseguire vero sud dove è collocato quello che pare essere i resti di una antica fortezza. Le mura con le due arcate (a nord e a sud) sono intatte, ma la parte interna appare completamente distrutta e rimangono solo un paio di muri che ricordano fattezze labirintiche.

La montagna innevata

La montagna innevata

Nella parte più a nord della regione di Galar troviamo delle alte montagne innevate percorse da binari ed un treno. Sulla cima di essa possiamo notare una muraglia con un’arcata centrale che permette l’ingresso ad una sorta di piazza ricca di zone verdeggianti prima di una grande città. A ridosso delle mura possiamo notare a sinistra dei palazzi tondeggianti pieni di pubblicità che sono estremamente avvicinabili a Piccadilly Circus.

Questa città la possiamo suddividere in due parti, una davanti ricca di zone erbose e più “antica” e una posteriore all’apparenza molto moderna. Nella parte anteriore sinistra possiamo notare una grande costruzione con una torre che ricorda parecchio Buckingham Palace. Subito al fianco di questa una ruota panoramica che ancora una volta mi ha fatto pensare al London Eye londinese.

La lega pokemon?

Ad est di questa troviamo un ulteriore stadio che per via dell’arcata che lo sovrasta ricorda lo stadio di Wembley. Non sono certa che tale struttura sia una palestra Pokemon perché la sua struttura è leggermente diversa dalle altre, inoltre non c’è il simbolo del colore rappresentante il tipo della palestra. Però abbiamo notato una cosa: sulla porta è presente un simbolo, una sorta di Pokeball rossa e blu che troviamo nel trailer proprio sul pilastro davanti alle palestre e nella maglia dell’avatar maschile quando entra in quello che pare essere uno stadio con una tenuta da “calcio”. Di conseguenza il team è arrivato a supporre che quella possa essere una sorta di “lega” Pokemon supportata dalle parole del game director che ha parlato solo di palestre, ma mai di lega o di superquattro. La nostra ipotesi? Non ci saranno i superquattro ne un via vittoria e la prova per diventare Campione si terrà proprio in quello stadio.

La parte più moderna della città è caratterizzata da alti palazzi e una torre centrale con una cupola in vetro sopra che mi fa pensare ad una sorta di osservatorio. Credo si possa identificare questa struttura come il punto più alto di tutta la regione, ma non riesco comunque a vedere in esso nulla più che un osservatorio.

Questa città in cima alla montagna è raggiungibile solo dal treno che possiamo vedere prima delle mura di entrata. Che la Game Freak si sia distaccata dalla tradizione ed abbia eliminato peculiarità simbolo del brand come i Superquattro?

Voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere qui sotto o sulla nostra chat di Telegram! Unitevi anche alla nostra pagina Facebook, ad Instagram e sul canale Telegram! Vi aspettiamo anche qui sul sito per terminare con noi questi viaggio nella regione di Galar!

MadHatter

MadHatter

Ho conosciuto i Pokemon quando la mia sorellastra minore iniziò a giocare a Pokemon rosso durante un viaggio in auto, così iniziai a seguire il gioco presa dalla noia. La noia diventò un forte interesse e ricevetti così il mio imprinting. Ricordo che mi arrabbiai perecchio con mia sorella che, non sapendo ancora leggere, giocava premendo i tasti senza nessuna logica e insegnando al suo Clefable mosse a caso. Capendo l'interesse per il gioco la risposta arrivò poco dopo: il Game Boy e la prima cartuccia.. ma questo fu solo l'inizio.